scala do

Cosa fare

L’agriturismo offre, oltre alla tranquillità e il relax della campagna aperta, numerose attrazioni all’interno dell’azienda.
Gli ospiti dell'agriturismo hanno l'opportunità di fare un'esperienza di sana e semplice vita di campagna accompagnata dal gusto della cucina contadina ed unico, un relax nato dall'unione tra la musica e lo svago.

Suggerimenti per escursioni



Itinerari


Agriturismo l'Accordo è situato a Vetralla in Poggio Montano, nella terra Etrusca a 60 Km da Roma, 15 da Viterbo e 25 dal mare, ed è a un passo dalle terme di Viterbo, dove è possibile immergersi nelle acque termali. Grazie alla sua posizione sono facilmente raggiungibili centri artistici e storici come Roma, Firenze, Siena, Perugia, Arezzo, Orvieto.

Da scoprire assolutamente la bellezza del nostro territorio che si distingue per i suoi luoghi incontaminati, per la presenza di importanti siti archeologici, suggestivi borghi medioevali, ville e giardini cinquecenteschi tra i più belli d'Italia

  • Viterbo - Città medievale
  • Il quartiere medievale di San pellegrino,il palazzo Papale,le chiese e le famose fontane a fuso sono solo alcune delle bellezze da vedere nella Città dei Papi. Per le terme vi sono stabilimenti termali moderni e super-attrezzati come le Terme dei Papi con le quali siamo convenzionati e distano solo 8 Km.
  • Tarquinia
  • La città di Tarquinia fu uno dei più antichi ed importanti insediamenti della dodecapoli etrusca.
    In rapporto con Roma fin da epoca molto antica, diede a questa città la dinastia dei re Etruschi che svolse un ruolo di primaria importanza nella storia della città latina faro di civiltà del mondo classico
  • Orvieto
  • Orvieto sorge su una rupe di tufo (ignimbrite di Orvieto - Bagnoregio), tra i 280 (Piazza Cahen) - 325 (S. Francesco) m s.l.m., che domina la valle del fiume Paglia, affluente di destra del Tevere e che proprio sotto la città riceve da sinistra il Chiani, la Chiana Romana proveniente dalla Valdichiana.
  • Roma - La città eterna
  • Roma è la capitale della Repubblica Italiana. Fondata secondo la tradizione il 21 aprile 753 a.C., nel corso dei suoi tre millenni di storia è stata la prima grande metropoli dell'umanità, cuore di una delle più importanti civiltà antiche, che influenzò il mondo civile sotto ogni aspetto per secoli
  • Viterbo - Città termale
  • La zona termale di Viterbo si sviluppa in un vasto territorio dove sono presenti sia le cosidette zone libere e/o gratuite dove fare il bagno e godere delle acque termali senza spendere nulla (Bagnaccio,Piscine Carletti,Bullicame) e zone in cui ci sono dei meravigliosi stabilimenti in cui l'ingresso è a pagamento.
  • Viterbo - Sotterranea
  • Viterbo sotterranea è composta da un reticolo di gallerie che si estendono sotto il centro storico e conducono fin oltre la cinta muraria. Per ora l’unico tratto percorribile dei sotterranei si snoda per un centinaio di metri disposti su due livelli sotto Piazza della Morte, tra i 3 e gli 8 metri di profondità.
  • Civita di Bagnoregio
  • Civita di Bagnoregio è un esempio di meraviglia unico nel suo genere. Unita al mondo solo da un lungo e stretto ponte, la "Città che muore", ormai da tempo così chiamata a causa dei lenti franamenti delle pareti di tufo, racchiude un ciuffo di case medioevali ed una popolazione di pochissime famiglie
  • Archeologia
  • Passare nella Tuscia trascurando le vestigia lasciate dalle civiltà etrusca e romana sarebbe impossibile, infatti la Tuscia è la terra degli etruschi per eccellenza , come il nome stesso indica. Insieme alle bellissime tracce che poi la romanizzazione ha portato, ne fanno un luogo speciale per l'archeologia.
  • Palazzo Farnese
  • Il palazzo fu una delle molte dimore signorili costruite dai Farnese nei propri domini. Inizialmente doveva avere caratteristiche difensive come era comune nelle dimore signorili del territorio laziale tra XV e XVI secolo. Il progetto per una residenza fortificata venne inizialmente affidato ad Antonio da Sangallo Alessandro Farnese
  • La Campagna
  • La Tuscia si estende per circa 3.600 Kmq tra Roma, la Toscana, il Mar Tirreno e l'Umbria. E' una terra integra ed accogliente, con ampi spazi incontaminati ed antichi borghi medievali. Ovunque, dai monti fino al mare, si possono ammirare le splendide testimonianze di un immenso patrimonio naturale, da non perdere.
  • Tuscania
  • Tuscania, come molti dei comuni limitrofi e come tipico di questa zona del viterbese, sorge su alcuni promontori di roccia tufacea posti tra i fiumi Marta e Capecchio che dominano, permettendone il controllo, la valle del Marta ovvero un'importante via di comunicazione e transumanza che univa, il lago di Bolsena con il mar Tirreno.
  • Lago di Vico
  • Il lago di Vico vanta il primato di altitudine tra i grandi laghi italiani con i suoi 507 m s.l.m. Per le sue peculiari caratteristiche naturali il comprensorio Vicano è incluso tra le aree di particolare valore naturalistico del Lazio e tra i biotopi di rilevante interesse naturalistico in Italia. Da segnalare anche per il trekking
  • Bomarzo - Il Parco dei Mostri
  • L'architetto e antiquario Pirro Ligorio su commissione del principe Pier Francesco Orsini progettò e sovraintese alla realizzazione, nel 1547, del parco, elevando a sistema, nelle figure mitologiche ivi rappresentate, il genere del grotesque. Alcuni studiosi, facevano risalire la "regia" a Michelangelo.
  • Via Francigena
  • La Via Francigena, che da Canterbury portava a Roma, è un itinerario della Storia, una via maestra percorsa in passato da centinaia di migliaia di pellegrini in cammino per Roma. A quell'epoca il viaggio non era una semplice avventura, esso portava con sé un aspetto devozionale: il pellegrinaggio ai luoghi Santi.
  • Calcata
  • Calcata è un piccolo comune che, sebbene a soli 40 Km a nord di Roma, è riuscito a conservare intatti i suoi patrimoni storico e naturale.La realtà culturale si è invece ulteriormente arricchita quando, dalla fine degli anni '70, agli originari abitanti del Centro Storico sono subentrati gli attuali.
  • Eremo di S. Girolamo
  • Tra funghi e vecchi tronchi, regna una pace e un silenzio incredibile. Tra i massi di peperino che caratterizzano tutta la Tuscia, tanto tempo fa un ricco signore di Siena volle lasciare tutti i suoi beni e rifugiarsi qui. Girolamo, questo era il suo nome, vi rimase per un pò, seguendo una vita ascetica.